banner di gocce di luce banner di gocce di luce
sabato 16 dicembre 2017

in questo mese meditiamo le Gocce di luce di dicembre 2003, dicembre 2008, dicembre 2009, dicembre 2010,
dicembre 2011, dicembre 2012, dicembre 2013, dicembre 2014, dicembre 2015, dicembre 2016 e quelle dedicate al Cuore Immcolato di Maria

Gocce di luce: Gesù parla ad un'anima

       
       

Ottobre 2013

"Mai come in questo periodo il messaggio di Fatima è attuale, non superato,
e ancora non compiuto, come invece molti affermano"

 

 

Ave Maria!

 

2 ottobre 2013
"Siate operatori con gli Angeli! Operate con essi che attendono
che voi li chiamiate in modo che vadano a portare e a diffondere il bene"

"Mia piccola Maria, viene celebrata la festa degli Angeli Custodi: ah, se sapeste quale tripudio avviene nel Regno per gli Angeli! In questo giorno essi si svestono delle loro tuniche di bianco splendore di luce per rivestirsi di tuniche d'oro e andarsi a presentare tutti, uno ad uno, dinanzi alla Maestà dell'Altissimo, portando il loro omaggio d'amore; e sono miriadi di miriadi… Per ognuno il Padre Creatore ha dato un nome, ma desidera che anche voi diate il nome al vostro Angelo Custode, dato che nel nome voi date attestazione della considerazione di un essere vivente, di una realtà presente, di una persona. Fatevi loro amici, figli miei!

Gli Angeli sono dati da Dio quali tutori, confidenti, quali aiuto, consiglieri, difensori e vostri responsabili che vi guidano per la via della salvezza. Ma sappiate che sono anche molto severi: vi amano teneramente, ma sono intransigenti, integri nella loro adorazione all'Onnipotente. Sono Puri Spiriti che vivono per la sua adorazione, ed ogni offesa arrecatagli provoca in loro dolore e mestizia. Essi vi sono accanto sempre; perderete nella vita i genitori, i cari, gli amici, ecc… ma l'Angelo vi sarà continuamente vicino dal primo istante di concepimento fino alla morte. Vi sarà vicino poi nel Giudizio nel quale perorerà la vostra causa, vi aiuterà in Purgatorio consolandovi, vi introdurrà nel Regno. Vivete un comportamento corretto di chi vive stando alla sua presenza, rispettoso della sua sacralità.

Gli Angeli sono coloro che vi amano ed adempiono, con la più grande responsabilità possibile, al loro compito, a vostro servizio, che Iddio ha loro richiesto. E cosa non fanno per condurvi, attraverso il viaggio della vita, per il raggiungimento del Cielo! Quale gioia per l'Angelo Custode aver condotto un suo tutelato, un figlio di Dio, suo fratello, al Giudizio, salvo: lo presenta con giubilo sorridendo, lo offre nelle mani di Cristo Signore, dicendogli: "Te l'ho condotto, è salvo!". Invece quale mestizia per un Angelo il cui protetto va perduto: sconsolato, lo pone dinanzi a Cristo Signore e volge le spalle con il volto in lacrime.

Siate operatori con gli Angeli! Operate con essi che attendono che voi li chiamiate in modo che vadano a portare e a diffondere il bene. Mandate i vostri Angeli dai vostri defunti perché portino le vostre preghiere, i vostri pensieri amorosi per loro, i vostri baci e saluti. Esortate gli Angeli a dare soccorso ai vostri fratelli in bisogno, in grave necessità. Mandateli ad aiutare e a consolare i vostri malati, ad esortare e a guidare i vostri figli. Date ad essi le vostre orazioni: gli Angeli le presenteranno, come incenso, alla Maestà del Signore. Date nelle loro mani le vostre sofferenze che si faranno olio profumato, che dalle altezze regali di Dio, scenderanno per sanare.

Offrite le vostre opere buone agli Angeli che diverranno gioie preziose da mostrare e deporre nei forzieri celesti dell'Onnipotente. Date ed offrite nelle mani dell'Angelo nella Santa Messa le vostre offerte, la vostra persona, perché ogni Angelo, in processione dinanzi all'altare, le presenta e le unisce a Cristo Signore nell'Eucaristia per far sì che siano benedette e fatte sante.

Fatevi bambini, convertitevi, come dice il vangelo: i bimbi piccini, nella loro innocenza, vedono gli Angeli e sorridono loro; poi ne vengono smemorati. Ma chi si fa bimbo nella sua innocenza dell'anima e del cuore, come i Santi, riescono di nuovo a rivedere la loro presenza, e anche a colloquiare con essi. Spesso, quando si ha avuto una devozione particolare per gli Angeli, o per grazia divina, o perché le creature talmente purificate e prossime al Cielo, moribondi, ne hanno la visione e ne sono confortati. Pure in Purgatorio, mentre l'anima si depura e si eleva, nella trasparenza acquisita, rivede il suo Angelo custode che viene per rincorarlo e dargli speranza finché, gioioso, gli dica: "Ecco, sei pronto! Dammi la mano: ti conduco in Cielo!". Ivi ne sarete compagni per il gaudio eterno. Ti benedico".

 


6 ottobre 2013
"Io sono il Verbo Incarnato, la Parola che si è fatta Carne,
che è venuta e viene a parlare, insegnare, guidare l'uomo
non solo nel mio tempo terreno, ma in ogni tempo e generazione:
continuamente Io parlo"

"Mia piccola Maria, non dispiacertene se tua sorella ti considera strana, se i sacerdoti non riescono a comprenderti. Io so il tuo intimo travaglio, il tuo percorso di dolore; solo Io posso comprenderlo. Oggi la santa Parola vi dice: "Ascoltate la mia voce! Io sono il Verbo Incarnato, la Parola che si è fatta Carne, che è venuta e viene a parlare, insegnare, guidare l'uomo non solo nel mio tempo terreno, ma in ogni tempo e generazione: continuamente Io parlo. E come mai allora voi non ascoltate? Perché pochi recepiscono? Io parlo attraverso il creato che mi testimonia: se lo si contempla, se si medita dinanzi alla bellezza, alla perfezione della sua Opera, ne dareste lode al suo Creatore. Nella natura, in ogni suo suono, Io vi parlo. Vi parlo mediante la Santa Parola, nel mio Vangelo, e vi insegno: i miei Ministri ve ne fanno perennemente richiamo al suo Insegnamento. Come mai pochi lo vivono?

La mia Santa Madre, nelle sue apparizioni, con materna e infinita pazienza richiama e vi parla per portarvi alla mia Persona. Quanti sono nel numero dell'umanità coloro che La seguono? I miei amici, quelli che mi amano e vi esortano alla via del bene, sono in loro le mie Parole che vi giungono in aiuto; quanti poi le recepiscono? Figli miei, a chi si pone in adorazione nel silenzio Io comunico e do' Parola nella luce che do' alle coscienze. Nell'Eucaristia, nel ringraziamento intimo, nel colloquio amoroso, Io mi do a voi e vi trasmetto la mia Parola che è, e si fa Carne in voi, e vi trasfonde la fede, quella fede che Io vi dono, sostengo, alimento e accresco ed inala in voi una carità che si innalza sopra l'umano: non richiede ma ama, si offre, si fa servizio, e loda il Signore del dono di essere solo un servitore inutile.

Creature mie, oggi le Sante Messe si fanno rumorose e chiassose: i canti ricoprono e sovrastano; non danno spazio ad una preghiera interiore e personale. Questo tempo sacro spesso si fa distrazione ed esteriore a discapito dell'intimità, che vi porterebbe al mio ascolto. Venite a Me nel silenzio, nel silenzio nella mente, lontano dal frastuono del mondo, nel silenzio del cuore e dei suoi richiami. Se venite a Me con le mani aperte e il cuore desideroso, come non potrei ricolmarvi di Me, della mia Parola? Ponetevi in ascolto! Ti benedico".

"Dì a don... che ho accoltato il suo "Eccomi!", ma che egli viva fiducioso e abbandonato nella fede, nel percorso alla quale lochiamo, che è un disegno che Io traccio nella via alla salvezza. Non ha bisogno di richiedere, anche attraverso di te, altre conferme".

 


7 ottobre 2013
"Amate il Rosario, recitatelo, diffondetelo!
Chi lo vive di certo è per lui pegno di sicura salvezza"

"Mia piccola Maria, oggi, già alla vigilia, si celebra la Beata Vergine Maria del Santo Rosario: questa preghiera è stata ottenuta e impetrata dalla Madonna per il suo Fuoco d'ardente amore al Padre Santissimo e per le sue lacrime offerte per il dolore patito; preghiera potente che la Madre Santa ha donato a voi perché essa fosse difesa, baluardo ai colpi, agli attacchi del demonio, intercessione a aiuto per i vostri bisogni e necessità, lode al Padre Celeste nella meditazione dei suoi Santi Misteri.

Il Rosario sono le mani di Maria che traboccano delle vostre preci, che in questa preghiera si fanno boccioli di rosa che la Madonna presenta all'Onnipotente che benedice, e che formeranno in futuro la cintura d'oro che ornerà i vostri fianchi sulla vostra tunica celestiale.

Quante vittorie con il Santo Rosario, quanti frutti, quanti beni e grazie elargite nel corso della storia e dei secoli sull'umanità! É potente presso il Padre Celeste; eppure la maggior parte che lo recitano sono per lo più solo donne, mentre la Madre Santa desidera e richiede che lo preghino tutti: bambini, giovani, uomini, religiosi e sacerdoti. E questi ultimi per lo più lo relegano ai laici, considerandolo una devozione popolare per i sempliciotti e le donne in tarda età. Ahimé, se ne comprendessero il tesoro capirebbero le Ave Maria che, se meditate, vissute, recitate con il cuore e nella verità, portano sempre con certezza i suoi benefici effetti. Se tutti dicessero il Rosario, vivendolo, nella Chiesa sarebbero sconfitti in essa i demoni, verrebbero appagate ed esaudite le sue richieste ed esigenze: quale fecondità all'apostolato e che ricchezza di vocazioni ne nascerebbero!

La Madre Santissima prende le Corone del Rosario e, dopo averle fatta benedire dall'Altissimo, le fa discendere come petali di grazie sull'umanità, simili a fiocchi di neve, che nel loro candore ricoprano le creature. Amate il Rosario, recitatelo, diffondetelo! Chi lo vive di certo è per lui pegno di sicura salvezza. Esso è la cintura che vi lega a Lei e che non permetterà che andiate perduti: è il seno con cui vi allatta del latte della Grazia, quel Latte che vi santifica e vi permette d'introdurvi al Seno del Padre Celeste che trabocca, nella terra promessa dell'Eden, di latte e miele di felicità. Recitate il Rosario! Avrete la Madonna che vi aiuterà al trapasso: vi accompagnerà con la Misericordia, la tenerezza e la pace di una Madre nel passaggio, e quale Madre…! Ti benedico".

 


9 ottobre 2013
"Insegnaci a pregare, Maestro!"
E qual è la disposizione per porsi in contatto con il Cielo?
Il "Padre nostro" che vi insegno vi risponde…"

"Mia piccola Maria, oggi nel vangelo gli Apostoli mi si accostano e notano estasiati il mio Volto radioso, illuminato, estatico per la notte di preghiera e comunione con il Padre mio, e per questo mi chiedono: "Insegnaci a pregare, Maestro!" E qual è la disposizione per porsi in contatto con il Cielo? Il "Padre nostro" che vi insegno vi risponde: accogliere, credere e amare la Paternità di Dio; tutto il resto viene con sé. Amando il Padre Celeste si accoglie la sua Santa Volontà, ci si rende fiduciosi alla sua Provvidenza che non farà mancare il pane del corpo e il Pane dello spirito. Egli vi aiuterà nel vostro percorso al perdono: vi difenderà e vi libererà dagli attacchi del maligno. Tutto nasce dal Padre, tutto è suo dono; e nella misura in cui si vive e si ama la sua Paternità ci si pone in relazione, si crea amicizia, alleanza: si vive una partecipazione filiale, amorosa, da Padre a figlio, da Creatore a creatura, da Amante ad amato. Iddio vi ricolma di tutte le necessità, ed offre Sé stesso.

In questa dimensione Egli trasfonde in voi la sua Paternità, il suo Amore pietoso e misericordioso, e richiede a voi la medesima capacità di farsi parte con l'altro, di divenire l'ala che si alza per proteggere il fratello, come fa la chioccia con i suoi pulcini, che difende, simile alla lupa, i suoi cuccioli e li pone al sicuro nella tana, simile alla madre che cura le sue creature; così voi vi farete protezione, difesa, cura del vostro fratello: cuore, mani, e casa, a tutela del prossimo che è figlio del medesimo Padre. Voi ponetevi in preghiera verso il Cielo per la salvezza dei fratelli: vi farete sua Carità per diffondere e rendere vivo il suo amore. Ti benedico".

 


11 ottobre 2013
"Questi sacerdoti che non credono a quest'azione indefessa del nemico
non credono nemmeno nell'integrità del mio vangelo"

"Mia piccola Maria, benedico tutti quelli che mi presenti; ma non essere così severa con la tua parrocchia nella quale ci saranno grandi cambiamenti. Stasera nel Vangelo mi accusano di liberare gli uomini dal demonio con il potere di Beezebul, ma Io dico: "Come può satana scacciare sé stesso? Quale guadagno ne avrebbe? In questo modo si disgregherebbe il suo regno; e se non è il demonio che scaccia non può essere che il potere di Dio a liberare dal suo dominio. Il diavolo è come un lupo feroce con la bava alla bocca nella ricerca continua, instancabile, di divorare l'uomo: egli lo odia, lo vuole distruggere; come può quindi liberarlo dalla sua prigionia e dal suo potere che lo incatena? Mentre Io, vostro Medico e Redentore, libero le creature, e le libero per amore; e l'amore non è la qualità che gli appartiene.

Venite a Me voi, figli tormentati dal demonio, posseduti, vessati, attaccati… solo il Dito di Dio ha il potere di sanare da lui; da soli non potete nulla, e nemmeno cercando aiuto in altri esseri umani. Io vedo: quanti di questi figli tormentati che cercano di liberarsi per mezzo di pseudo guaritori di ogni titolo; e inizialmente possono anche usufruire di un certo sollievo, di un'apparente, transitoria liberazione, ma il nemico, come dice il vangelo, va alla ricerca di altri suoi sgherri, peggiori di lui, per tornare a devastare l'anima.

Figli miei, ricorrete al sacerdote che ha questo potere datogli dal Cielo. Fatevi imporre le mani sul capo e fatevi benedire, fatevi fare esorcismi, fatevi ungere con l'olio benedetto: dite che celebrino e che vi ricordino nelle Sante Messe; e così, come Io vi insegno, fatevi una corazza che lo Spirito divino vi intesse con i Sacramenti, con una vita corretta e impregnata di carità, che profumi di preghiera. Questa corazza vi protegge: i dardi del nemico, al suo impatto, si piegheranno e cadranno a terra, e i suoi morsi, i suoi denti aguzzi non potranno forarla.

Molti diranno: "I sacerdoti non credono e quest'azione del diavolo, non operano liberazione da lui". Io vi dico che essi saranno grandemente responsabili delle lacrime dei miei prigionieri poiché non hanno combattuto contro il mio nemico, lasciando gemere i miei figli tra le sue mani. Questi sacerdoti che non credono a quest'azione indefessa del nemico non credono nemmeno nell'integrità del mio vangelo; vivono un sacerdozio mondano e vuoto e non si sono ancora incontrati con l'amore di Dio: è un sacerdozio spento.

Nella prima lettura per questo esorto: "O sacerdoti, fate penitenza, piangete i vostri peccati e quelli del popolo. Digiunate! Solo chi vive questa continua purificazione può operare liberazione nelle anime. A questo lavacro interviene l'azione di Dio che colma il sacerdote del potere dello Spirito Santo che dà a lui fortezza, ardire, sapienza: si fanno così guerrieri che combattono, che si pongono a difesa dinanzi alle genti. Dinanzi all'Opera, all'intervento di Dio che riveste di Sé, dei suoi attributi, il demonio da belva si fa povero cane ferito che languisce, guaisce nel terrore, e fugge da voi. Ti benedico".

 


12 ottobre 2013
"Mai come in questo periodo il messaggio di Fatima è attuale,
non superato e ancora non compiuto, come invece molti affermano"

"Mia piccola Maria, Io mi protendo su tutti quelli che mi porti, mi curvo su di essi: li benedico, do' la mia carezza ed il mio aiuto. Stasera voi anticipate la solennità della Madonna di Fatima, che giunge, nella sua Immagine, nel santuario di Roma. Lei viene per ricevere nelle sue mani l'offerta al suo Cuore Immacolato che il Santo Padre le farà dell'intera umanità. La Madonna attende la sua consacrazione, che se fosse stata effettuata già a suo tempo, come aveva richiesto, il mondo non sarebbe finito nelle difficoltà di questi vostri tempi: non ci sarebbero stati i tanti dolori che hanno segnato il vostro secolo. Quest'affidamento allevierà, per i meriti dell'unione di Pietro alla Maternità di Maria, una purificazione tanto penosa. La Madonna viene per ricordare alle creature e al popolo romano che Lei non li abbandonerà e sarà loro accanto nei tempi gravosi che Roma dovrà affrontare. Mai come in questo periodo il messaggio di Fatima è attuale, non superato e ancora non compiuto, come invece molti affermano.

La Madre, come allora, richiama alla penitenza e a conversione: conversione e penitenza, se il mondo vorrà salvarsi, poiché esso è tutto ricoperto e invasato dalla lebbra del peccato. Come a Naam, nella prima lettura, Ella vi invita a lavarvi. Egli lo fa nel fiume Giordano per sette volte, e ne riacquisterà la salute e la sanità di una carnagione tornata giovane e intatta. Pure voi tuffatevi nel pentimento, nel lavacro delle vostre lacrime: tornate alla Confessione per emendarvi, vivete i Sacramenti che continuamente vi lavano e vi ricreano la grazia della giovinezza dell'anima. Se vivrete questa di purificazione non avrà più motivazione che giunga l'altra, molto più gravosa. Lei vi invita a seguirmi, a compiere ciò che vi dico, poiché solo in Gesù Cristo vi è salvezza, e vi precede nella via.

La Madonna viene per richiamarvi ad essere grati, riconoscenti al Padre Santissimo che tutto vi dona, a non farvi simili ai dieci lebbrosi che, pur sanati dalla lebbra, uno solo tornò per ringraziare del beneficio ricevuto. Anche oggi così pochi sono quelli che danno lode in verità di cuore all'Altissimo Signore, riconoscenti del bene ottenuto da Colui che ne è l'Autore e l'Artefice. Solo chi sa lodare Iddio ha capito, si è posto in conversione, ha iniziato ad amare. La Madre Santissima viene per sollevare l'uomo e innalzarlo a Dio. Ti benedico".

 


14 ottobre 2013
"Pur se apparissi, la maggior parte degli uomini, e anche della Chiesa,
non crederebbero: darebbero ogni spiegazione umana e scientifica a tale evento"

"Mia piccola Maria, stasera nel vangelo gli uomini cercano segni, prodigi, per poter credere; ma Io dico loro che è una generazione malvagia e non le sarà dato che il segno di Giona. Pure quest'oggi gli uomini cercano portenti e segni eclatanti per voler credere, ed Io dico: "É forse diversa questa generazione da allora?". Anzi essa è più perversa; per questo non le varrà dato che il segno di Giona. E cosa è questo segno se non un tempo di dolore e sofferenza che sarà purificazione per la rinascita e la risurrezione di un mondo nuovo? Non sono bastate le innumerevoli grazie: il costo della mia vita che vi ha offerto la Redenzione, la Santa Chiesa, la testimonianza del Santi, le perenni e continue catechesi, i Sacramenti, le Apparizioni e i richiami della mia Santa Madre, gli infiniti benefici ricevuti. Non è bastata l'infinita pazienza e l'amore di un Dio per cui vi dico: "pur se apparissi, la maggior parte degli uomini, e anche della Chiesa, non crederebbero: darebbero ogni spiegazione umana e scientifica a tale evento, ogni loro ragione, pur se si trovassero dinanzi alla mia Persona, poiché la durezza del loro cuore li rende prigionieri di satana che li acceca.

Non sono bastati baci e abbracci nell'amore da parte di Dio per avere accoglienza alla fede in quest'ultimo periodo storico; dovrà quindi intervenire la sofferenza: uno sconvolgimento nel mondo che stravolga i piani umani che legano all'indifferenza, ad un modo di vita che indurisce e inaridisce, conduce le creature alla perdizione. É per la salvezza che giunge il travaglio di un parto che solo può dare la rinascita di un'umanità nuova. Il segno di Giona, che è la mia Passione, morte e risurrezione, è ridato a voi perché è solo mediante questo passaggio vissuto che si fa vostro e vi purifica: c'è la conquista e la visione di una rinascita a vita nuova. É questa partecipazione che vi potrà lavare e vi potrà cambiare il cuore. Ne verrà alla luce un mondo che si farà umile, che saprà alzare le braccia in alto verso il Cielo e saprà dare la mano al fratello nell'accoglienza di un'umanità che si fa famiglia.

Ne nascerà una Chiesa che si farà povera, pura e santa, una Chiesa vera che non cerca più grandezze e primati; non è protagonista di sé, ma si piega al servizio, non fatto di bei concetti, di parole altisonanti, ma di una testimonianza concreta, come dice questo Papa: un servizio che si sporca le mani nel raccogliere e assistere le povertà del popolo. La Chiesa diventerà Casa di preghiera e di adorazione al Padre Santissimo, e non più teatri... L'uomo tornerà ad amare, dato che la sofferenza avrà lavato e sciolto il gelo che lo attorniava, e saranno slegate le catene del nemico che lo imprigionava; e l'anima sarà di nuovo pronta a ricevere in sé l'azione dello Spirito Santo. Ti benedico".

 


17 ottobre 2013
"Andate dalla Madonna, invocatela, amatela! Lei che ha dato Carne alla Parola,
incarnerà in voi la Parola divina, che si farà Sapienza"

"Mia piccola Maria, stasera nel vangelo riprendo i dottori della Legge, che hanno la chiave della conoscenza delle Sacre Scritture di allora, che hanno studiato, ma che non sono entrati nella loro interiorità: non ne hanno acquisito la Sapienza divina e non ne fanno entrare gli altri poiché non ne hanno dato testimonianza, non riconoscendo e non accogliendo Me, il Verbo Incarnato, la Parola che ha ispirato la Sacra Scrittura.

Tutt'ora oggi: teologi, sacerdoti, catechisti, nei seminari, ecc… hanno la chiave della conoscenza di Essa perché l'hanno studiata, ma non ne hanno acquisito la Sapienza; e il loro insegnamento spesso travisa, deforma, cambia il mio; la fa divenire una parola dotta, psicologica, umana, ma ne snatura il senso che è soprannaturale, sacro, spirituale: non mi rispecchia, non mi incontra. Per entrare nella Sapienza non ci vuole la mente, ma il cuore. Solo con il cuore si acquista la conoscenza reale di Dio. Ci vuole il cuore che pulsa e batte, e che dà vita. Senza di esso è parola morta: non fruttifica. Ci vuole l'irradiazione dello Spirito Santo, la sua Energia santificante che feconda e dà nascita: senza è un seme sterile, non ci sarà raccolto.

Non basta la mente e né la cultura, mentre chi, pur conoscendo poco, ha cuore, è ricco di Spirito Santo; pur nel silenzio, pur senza emettere suono dalla sua bocca è segno fattivo, tangibile: testimonia nella sua persona e santifica, poiché in lui vive la mia Parola. Come avere il cuore e lo Spirito Santo? Figli miei, non basta studiare, bisogna pregare e amare la Santa Parola, in adorazione presso il Santissimo Sacramento, ove Io dono il cuore e vi irradio di Spirito. Andate dalla Madonna, invocatela, amatela! Lei che ha dato Carne alla Parola, incarnerà in voi la Parola divina, che si farà Sapienza, che diviene chiave che aprirà molti cuori perché possa entrare la santità. Ti benedico".

 


19 ottobre 2013
"Molti dicono: "Io ho tanto pregato, ma non sono stato esaudito". Io rispondo…"

"Mia piccola Maria, Io sono la tua compagnia e vedrai che le cose cambieranno. Stasera nella santa Parola e nel vangelo si mette in evidenza l'importanza fondamentale della preghiera. Cos'è la preghiera? É il dialogo tra l'uomo e Dio, il rapporto tra la creatura e il suo Creatore. Quando volete avere una relazione con un altro dovete farlo mediante il dialogo; quando cessa la comunicazione ne termina l'unità. Attraverso la preghiera il Padre Santissimo nutre del suo Amore, riforma a santità, ricrea nella grazia le creature. Molti dicono: "Io ho tanto pregato, ma non sono stato esaudito". Io rispondo: "Come avete pregato, e che cosa avete chiesto?", dato che se la preghiera è vera, buona, umile, fiduciosa, essa è simile all'attrattiva della calamita al ferro: passa attraverso il Cielo e fa scendere lo Spirito Santo nella Manna delle sue grazie. Ed anche quando, figli miei, l'orazione è buona, è vera, deve essere perseverante e fiduciosa poiché essa è una medicina: ogni invocazione, ogni prece, è come una compressa, un farmaco, che risana ma che ha bisogno dell'intero percorso di cura per la sua guarigione. La preghiera è un'opera di creazione al bene, ed ogni opera in Dio ha necessità del suo tempo.

Il Padre Creatore aveva già presente nel suo Pensiero e desiderio la creazione del mondo, ma ha avuto bisogno dei suoi giorni per attuarla, ed era cosa buona; un bimbo è già esistente nel concepimento ma deve alla gestazione dei suoi nove mesi e al parto la sua nascita e visibilità. Un frutto è già presente nel seme ma necessita della sua maturazione per far sì che sia completo e atto a mangiarne. Il pane già sussiste, nel suo futuro, nelle spighe di grano, ma ha l'esigenza della sua lavorazione perché giunga alla tavola. Figli, dovete essere coerenti e perseveranti: non stancatevi nella preghiera!

La Parola stasera vi presenta Abramo: è per la sua fiducia e instancabile prece che ha ottenuto la protezione divina e la vittoria sui suoi nemici. E nel vangelo è per l'insistenza, anche invadente, della vedova, che il giudice, pur malvagio, per non essere più infastidito, perora la sua causa e ne ottiene la giustizia. Quanto più, Io vi dico, il Padre vostro lo farà per voi? Ah, se tutti gli uomini alzassero le mani al Cielo, impetrando al Padre Santissimo! La loro invocazione e supplica diverrebbe una potenza di esplosione da far scaturire e discendere tutti i benefici delle altezze celesti sulla terra, sicché ci sarebbe vittoria piena su ogni male, guarigione sui malati, e la fede verrebbe irrorata a crescita ovunque sul mondo. L'unità della preghiera è forte ed ottiene anche la brevità del suo effetto ma, pur se la vostra orazione rimane solo personale, intima, non demordete! Abbiate fiducia che Io ascolto; essa è segno di sicura salvezza per voi, per i molti per i quali avete pregato, pur doveste attendere per l'intera vita: essa sarà esaudita. Siate certi che verrà premiata. Ti benedico".

 


21 ottobre 2013
"Il mio divin Sangue è tesoro infinito e incommensurabile,
farmaco di salute per ogni male e rimedio ad ogni bisogno e problema"

"Mia piccola Maria, io soffio nella boccuccia della tua nipotina per far sì che il mio alito dia a lei di nuovo il giusto respiro. Poso la mia mano rinfrescante sulla fronte febbricitante di tua figlia; dono la mia carezza salutare su tutti gli altri. Oggi nel vangelo vi viene detto che il valore della vita di un uomo non è nei suoi possedimenti, ma nella ricerca dei beni eterni. Tutto vi verrà ripreso e tornerete da Me nudi, poiché anche il corpo vi verrà richiesto e porterete solo il bene che avrà impreziosito, simile a gemme, l'anima vostra.

Volete essere i ricchi del Cielo? Date ed amate! Invece gli uomini si affannano, si dibattono per possedere i beni terreni, alla ricerca di una felicità che è spesso vacua, velenosa e che si perde. Io vi dico. "Colmatevi di opere di misericordia, di carità: amate! Fate tutto ciò che potete nel fare il bene". Io vedo moltitudini di genti prevaricare sul fratello per ammassare i propri granai, impoverendo gli altri e, in questo modo, parte dell'umanità trabocca nello sterco del superfluo, mentre l'altra geme nella fame. Si dà spesso colpa al Padre dei Cieli delle miserie, delle indigenze dei poveri. Io vi dico che se ci fosse equità, giustizia, se non ci fosse furto, ciò che il Padre Santissimo dispensa sulla terra, nella sua Provvidenza, sarebbe bastante per tutti e per ogni necessità.

Oggi che ricordate San Gaspare del Bufalo sappiate che era povero, così povero da rasentare l'estrema sopravvivenza: viveva della carità offerta ma, irradiato dalla Luce dello Spirito Santo, ricco di Lui, aveva compreso, in verità, a cosa bisogna dare valore, e ne portava e sbandierava il vessillo ovunque, il vessillo rosso del mio Preziosissimo Sangue, che adorava, pregava, invocava, divulgava: vi operava, sicché nel bene, nella carità, nella santità che ne traeva, si spargeva ovunque, sul suo cammino, una scia d'oro della sua preziosità.

Il mio divin Sangue è tesoro infinito e incommensurabile, farmaco di salute per ogni male e rimedio ad ogni bisogno e problema. É liberazione dagli attacchi del nemico, dalle sue catene che, al suo apparire, indietreggia e fugge terrorizzato. Il mio Sangue Santissimo si fa chiave che apre, dissolvendo, le prigioni del Purgatorio; è Energia di fortezza nei tempi di combattimento e di prova; è mezzo straordinario di santificazione per la Redenzione che offre in conversione, purificazione e vita nuova nella carità. Esso è scaturito dalle mie Vene regali; non ne ho trattenuto in Me nemmeno una stilla per far sì che ve ne poteste abbeverare, infondervene, in modo che nelle vostre di vene scorresse il mio, che vi rende nobili, regali, santi: è il Sangue di una Dio! Non ha mai fine, scorre continuamente e forma un oceano d'oro nel quale vi chiedo di immergervi per acquistarne le ricchezze, la bellezza, i tesori divini. E come lo potete? Andando ad abbeverarvene nell' Eucaristia: adorandola, e invocandolo, offrendolo al Padre, operando e intercedendo per i suoi meriti.

Volete sanarvi da ogni male o ricorrervi per ogni necessità? Adorate e nutritevi del mio divin Sangue! Volete liberarvi ed aiutare gli altri a liberarsi dalle catene del nemico? Invocate, pregate e offrite il mio Preziosissimo Sangue. Volete spalancare le porte del Cielo ai vostri defunti, abbreviarne la pena? Chiedete per i meriti del mio Sangue Santissimo. Volte aiutare i moribondi nel loro transito, avere forza nel tempo di croce, vivere e diffondere la santità? Offrite, offrite il sacrificio del mio divin Sangue.

Figli miei, nella misura in cui avrete operato il bene, amato per i meriti di questo mio Sangue salutare e redentivo, voi formerete una scia d'oro, una sorgente, un laghetto, un ruscello d'oro che vi accompagnerà e vi sarà sempre intorno, arricchendovi per l'eternità. Ti benedico".

 


23 ottobre 2013
"Il Paradiso, il Purgatorio, l'inferno sono realmente esistenti, presenti, operanti.
Ma la Chiesa ne parla così poco"

"Mia piccola Maria, Gocce di luce è mia luce: i chiaro-oscuri entrano quando riguardano le vicende personali poiché dovete vivere la fede; ma tutto ciò che riguarda la sapienza, è di Dio, è mia verità.

Ecco, se tutti conoscessero la data, il giorno, l'ora della morte, molti, i più, non si lascerebbero trovare impreparati: emenderebbero la loro coscienza e farebbero il bene non compiuto e si convertirebbero a Dio, ma non se ne avvedono; lo avvertono come un traguardo lontano, mentre essa non ha età e vi corrono incontro senza esserne pronti: resteranno sorpresi e sgomenti di una vita eterna che continua sia nella condanna come nella salvezza.

Anche oggi quanti figli hanno varcato la soglia del trapasso dalla vita umana a quella sopranaturale e, la maggior parte di essi, erano sconcertati e disorientati. Eppure il Paradiso, il Purgatorio, l'inferno sono realmente esistenti, presenti, operanti. Ma la Chiesa ne parla così poco; e se a volte incontra il discorso sui defunti traccia il Purgatorio come una blanda realtà formata da uno stato di nostalgica lontananza da Dio, che è per pochi, figli miei; i più passano nel tormento, lambiti e riarsi dalle sue fiamme purificatrici. É per questo, per evitarvi ciò, che vi chiedo: siate pronti, desti, nel vivere il santo timor di Dio, la carità, amando.

Per dare senso al tempo che passa e non si trattiene, non si ferma a voi, al bene che fate, all'esistenza che vivete, siate coscienti degli anni che avete avuto in dono: passano, e non tornano più. Per questo vi esorto accorato, particolarmente gli uomini di chiesa, e coloro che hanno ricevuto doni divini, doni sacri, e che sono addentrati alla sua conoscenza: ad essi di più sarà richiesto, per la maggiore responsabilità; e se avranno peccato senza emendarsi o non hanno operato, per negligenza, grave sarà il Giudizio e la pena! Mentre per quelli che non hanno conosciuto il vangelo, come si legge stasera, per quelli che non sono cristiani, pur avendo peccato, più lieve sarà la pena.

Anime care, il Padre Onnipotente è la Misericordia, e vi offre tutti i mezzi di salvezza, di perdono e assoluzione dai vostri errori, e pone, nel mare della vostra esistenza, i salvagenti, zattere, barche, della sua divina Misericordia a cui aggrapparvi perché voi viviate e doniate misericordia ai vostri fratelli. Ma se ad essa non avete fatto ricorso e trovato rifugio, in verità, Iddio è Padre Giusto e tutto verrà filtrato dell'anima, e richiesto il conto. Da Padre Egli valuterà quando il peccato commesso è stato debolezza umana: se perché oppresso e spinto dal dolore e dall'affanno, o se avete peccato per non curanza, per superficialità, per non combattere, perché avete pensato solo a voi stessi.

Siate vigili, operanti! Non lasciate che il sonno malsano del demonio, come nebbia si posi nelle coscienze, e vi addormenti. Simili agli studenti solerti che si affannano nello studio per esser pronti a superare l'esame, simili agli atleti che si allenano instancabili per la vittoria; ugualmente voi operate per Me in modo che, nel varcare la soglia dell'eternità, non avrete amare sorprese; ma la sorpresa della meraviglia del Cielo! Ti benedico".

 


26 ottobre 2013
"É entrato nella Chiesa uno stato di fariseismo:
si è fatta, in molta di essa, razionale, dotta, superiore: vuole detenere un potere"

"Mia piccola Maria, le tue sono miserie, ma Io sono con te perché tu cresca nel mio cammino. Puoi dire a don… ciò che hai ascoltato nella catechesi di don Amorth, per avvalorare la sua chiamata che, nell'apparizione della Madonna a San Vincenzo Pallotti, Ella disse: "É sublime l'ufficio del Ministero di esorcista poiché esso riprende i passi di mio Figlio nel cammino della Redenzione. É compito del sacerdote, il primo, quello di liberare l'uomo da satana. Quanto bisogno c'è di avere esorcisti, di liberare un popolo che geme, oppresso, dominato e schiavizzato dal demonio!

Il problema, all'origine, sta proprio nella Chiesa: è dalle sue cariche più alte che viene arrestata tale Ordinazione per una macchinazione subdola e sottile del maligno che non vuole che ci siano guerrieri che lo combattano e possano arrestare e contrastare il regno del suo dominio. E perché avviene questo? Lo dice bene il vangelo di stasera: è entrato nella Chiesa uno stato di fariseismo: si è fatta, in molta di essa, razionale, dotta, superiore: vuole detenere un potere, non vuole quindi apparire ridicola, accogliendo riti ritenuti superati e medioevali; vuole mantenere un'apparente immagine di forma, di modernità, per l'accettazione del mondo. É entrato, da tempo, questo fumo nero di satana che porta, come descrive il vangelo: boria, autosufficienza, saccenza, poiché ci si ritiene, dato che si è alla conoscenza e al servizio di Dio, che ciò è bastante a sé: ci si ritiene giusti e sopra le righe dei poveri peccatori; non se ne comprende la necessità, il grido di dolore dei miei poveri figli. Se ci si riconoscesse peccatori, miseri, ultimi, nella povertà di sé e del proprio stato, tra poveri ci si riconosce e ci si comprende: si parteciperebbe al bisogno dell'altro.

Come avviene la liberazione? Base fondamentale è la preghiera, la Santa Messa, i Sacramenti, il digiuno, la carità: in questo modo i fedeli possono unirsi ed accompagnare i sacerdoti; ma non solo, vengono dati alla Chiesa segni e mezzi specifici propri, quali quello dell'esorcismo, della preghiera di liberazione, l'imposizione delle mani, l'unzione dell'olio degli infermi, che non appartiene e non viene dato solo per i moribondi ma per tutte le creature, e soprattutto per quelle tormentate nelle malattie mentali che sono spesso fomentate dal demonio. Se questo fosse effettuato, il Soffio dello Spirito Santo si farebbe forte, impetuoso, gagliardo, sì da allontanare le tenebre, l'oscurità o la nebbia velenosa che il nemico sparge ovunque: le nubi si squarcerebbero sì che la luce del Sole tornerebbe ad illuminare la Chiesa, l'umanità; e le anime non sarebbero più tormentate da lui perché protette e difese da una Chiesa che si fa dico".

 


30 ottobre 2013
"Fatevi creature spirituali, dato che lo Spirito che vi trasforma,
ve ne rende atti, capaci: vi plasma a saper passare per la porta stretta"

"Mia piccola Maria, tu ti spaventi, figlia mia, ti lasci prendere dal terrore dello strepitio al fracasso che ti fa il demonio; lo so, la sua azione è dura, ma Io c'ero. Egli usa i tuoi figli, entra attraverso le loro miserie e, in quel dato tempo sotto il suo influsso, sono come posseduti dalla sua azione che egli compie contro di te proprio per disarmarti e portarti alla disperazione a causa di questa mia Opera. Ricordati però che Io ci sono, e mi farò ancora più palese della mia presenza con te.

La Parola stasera vi dice che lo Spirito viene in soccorso della debolezza dell'uomo. Eh, sì! Gli uomini sono così deboli nelle loro fragilità, e nelle vicende che devono affrontare, e cadono, cadono nello sconforto, nell'abbattimento, lasciando così anche la mia Via. Questa debolezza però non è di giustificazione poiché Iddio dona ad essi lo Spirito Santo che viene in soccorso, dà fortezza negli eventi da affrontare, luce nel percorso che è via di rettitudine a di giustizia, consolazione allo sconforto. Lo Spirito forma la coscienza, plasma l'essere a Sé, viene a supplire all'incapacità umana. Egli, vivendo in voi, agisce ed opera ciò che voi non potete, ma vi aiuta a trarre il meglio della vostra persona; vi dona la Parola, vi fa arditi nel vivere la Volontà di Dio.

Fatevi creature spirituali, dato che lo Spirito che vi trasforma, ve ne rende atti, capaci: vi plasma a saper passare per la porta stretta di cui parla il vangelo stasera. Non si entra nel Regno se non ci si piega, se non ci si abbassa ad entrarvi; e lo Spirito vi modella perché vi facciate umili, piccoli e conformi a tale passaggio. Molti di quelli che, pur non avendola varcata, verranno ugualmente con orgoglio e pretenziosità a bussare alla mia porta, ma Io dirò ad essi: "Non vi conosco!". Essendo stati primi sulla terra per il loro potere, ancora crederanno, nella loro superbia, che esso valga, che abbia valore e diritto, per la loro entrata nel Regno; ma da questa parte questo potere umano, transitorio e fallace, non ha più nessun valore, non conta niente.

Essi, non possedendo lo Spirito Santo, non sono passati, piegandosi in umiltà per la porta stretta; hanno fatto fuggire lo Spirito, contristandolo con le loro opere inique, e le tenebre li hanno permeati: tenebre che non permettono la vista di tale porta; la loro grandezza nella boria e nelle vanità non li ha resi piccoli per piegarsi: tenebre alle tenebre, essi verranno calamitati ad esse, a quel regno degli inferi a cui appartengono, e di cui la Chiesa ha così vergogna di parlarne, e che Io vi riporto alla sua realtà, non per spaventarvi, figli miei, ma per salvaguardarvi perché non vi cadiate: luogo chiuso… non più porte lo recingono, ove non c'è più cambiamento, né speranza, non varca più luce, dato che la luce è sostanza ed essenza dello Spirito Santo, ed è per chi lo ha ospitato, seguito, amato. Ti benedico".

 


31 ottobre 2013
"Invocate lo Spirito Santo, amate la Madonna, fatevi fratelli i Santi!
Date a loro il vostro cuore e le mani, ed essi vi aiuteranno a farvi santi"

"Mia piccola Maria, in questa notte vengono compiute molte scelleratezze che si camuffano sotto specie di festa (*), compiute in onore e nel nome di satana, per dare maggior forza al suo potere. Molte dovrebbero essere le Comunioni e l'adorazione in riparazione, e per contrastare e limitare tale azione malefica.

Stasera la Chiesa, alla sua vigilia, celebra la solennità dei Santi. Cosa è questa solennità? É la festa del Paradiso: il giubilo di tutti i suoi abitanti che, per farne parte, per entrarvi, non possono che essere Santi. E cosa fanno? Godono, gioiscono, amano! Godono dell'amore di Dio, gioiscono fra di loro, e amano ricevendo quell'amore traboccante dall'Altissimo Signore, e fra gli stessi Beati: un amore che travasa per la sua fusione e ne viene sparsa la sua essenza, il suo profumo, l'energia, per l'intero Paradiso, sul Purgatorio e sulla terra. Essi vivono una felicità che non è ferma, non è statica, ma in perpetuo movimento nella misura in cui si accresce la conoscenza di Dio, il godere della sua presenza, faccia a faccia, del suo ardore, sì che lo spirito dei Beati si dilata e maggiora la sua possibilità di ricevere sapienza e amore che evolve in un gaudio che sviluppa ed amplia senza fine.

Chi sono i Santi? Sono coloro che hanno amato il Signore e L'hanno seguito; e lo sono anche quelli che, pur facendo parte di altre religioni, e non conoscendone l'identità, Lo hanno però vissuto nella concretezza della vita, nella retta coscienza e nel bene fatto; quando poi si troveranno dinanzi al Signore nel Giudizio personale, nella scelta alla sua adesione, essi si fanno Santi.

Come divenire Santi? Il Vangelo delle Beatitudini di stasera vi risponde: fatevi poveri in spirito, miti della terra, accoglienti delle persecuzioni, fedeli alla lotta per la giustizia e per il bene, testimoni per il mio Nome e per la fede. Santi si fanno, come dichiara la santa Parola, coloro che lavano le loro vesti nel Sangue dell'Agnello: quelli che hanno lavato la loro anima nel proprio sacrificio e nel combattimento per la Verità, che Io sono, e che uniti e fusi nel mio Sangue, li rende Santi. Quelli che si sono fatti poveri per la terra saranno i ricchi per il Cielo.

Figli miei, fatevi amici i Santi! Conoscete la loro storia, emulate le loro virtù: ognuno di essi è un tassello della bellezza dell'Eterno. Fatene parte di questo Corpo glorioso per divenire il compendio della melodia della magnificenza dell'Altissimo. Molti diranno: siamo poveri peccatori, Signore, e come potemmo divenire Santi? Quante meraviglie vedrete in Cielo…! Quanto stupore dinanzi a tanti peccatori ritornati sui miei passi, la cui trasformazione è una mia opera. Invocate lo Spirito Santo, amate la Madonna, fatevi fratelli i Santi! Date a loro il vostro cuore e le mani, ed essi vi aiuteranno a farvi Santi. Ti benedico".

(*) Halloween